Quand’è che abbiamo iniziato a detestare Saviano?

Sabato sera l’ex idolo Miguel Bosè veniva insultato via tweet da teenager infastiditi dalla di lui pretenziosità verbale nel giudicare i concorrenti di Amici, un talent show scritto, interpretato e visto da Il-Paese-reale (su questo ci torniamo fa un secondo).

Domenica sera andava in onda l’hate watching di Roberto Saviano, o il Miguel Bosé di Raitre. Orde di Non Più Teenager Da Mo’ schiumavano su Twitter contro lo scrittore sotto scorta, per la di lui manifesta banalità su più fronti nel talk show scritto, interpretato e visto da I-Radical-Chic. (Che Tom Wolfe abbia pietà di me per aver usato impropriamente questo termine, ma qui in Italia siamo truffatori antropologici e teniamo l’etichetta del Brunello sulla bottiglia del vino della casa).

Quand’è che abbiamo iniziato a detestare Saviano? Quand’è che ci è sembrato improvvisamente insopportabile. Ve lo ricordate? La prima volta che andò in televisione era ospite di un programma molto più Radical Chic di Che tempo che fa, cioè Le invasioni barbariche. Lì presentava il libro che gli ha garantito fortuna commerciale e vita di merda per l’eternità (cioè per il periodo di tempo in cui sconfiggeremo la criminalità organizzata). Lo ammiravamo.

Era il 2006 quando Saviano era una brillante promessa. In meno di sette anni  è diventato il solito stronzo. In mezzo ci sono state puntate monografiche e monologanti, rubriche su quotidiani nazionali, endorsement politici, onorificenze, ospitate nella televisione di sinistra: una grande chiesa primetime che va da Otto e Mezzo a Che tempo che fa passando per Servizio Pubblico e Piazza Pulita. Conventicole che si passano gli ospiti e producono opinioni. Hanno assegnato a Saviano il ruolo dell'”intellettuale di servizio”.

Mentre rileggevo quella parola, radical chic, non ho potuto fare a meno di pensare che qualsiasi cosa farà Fazio sarà sempre considerato di nicchia, cioè di sinistra: oltre 13 milioni di spettatori per Sanremo? Nicchia. 9 milioni di telespettatori con monologhi di Saviano e di Maroni? Nicchia. Riesce a tenere ogni week end una media di circa 3 milioni di spettatori con un programma di interviste sedute? Nicchia, nicchia, nicchia.

Sì, perché il Paese reale è quello della De Filippi. Il Paese reale è meridionale e ha prevalentemente tra i 15 e i 30 anni, ma è per tutta la famiglia. E’ quello che ride alle battute di Alessandro Siani (ho avuto pena per il simultaneista di Harrison Ford, se non fa ridere in italiano figuriamoci tradotto). E’ quello con Emma Marrone che si porta i parenti dal Salento, come una studentessa il giorno della laurea. Il Paese reale è quello che segue le fiction sulla mafia e che come idolo ha Gabriel Garko. Tutto il resto non esiste, è un’invenzione dei sondaggisti di Ballarò.

Se per voi Sabrina Ferilli è un’attrice vi dicono che siete Paese reale. Se per voi Sabrina Ferilli è quella che sponsorizza divani che una volta ha promesso uno spogliarello vi dicono che siete tutti gli altri.

In realtà il Paese reale non è proprio così. La distinzione che facciamo è tra la televisione seduta di Fazio con intenti pedagogici e quella di intrattenimento della De Filippi. La distinzione è tra lo spettatore che si sente molto intelligente ad ascoltare un’intervista e un cantautore impegnato e lo spettatore che ride col dialetto. Noi detestiamo soprattutto gli spettatori e i lettori di Saviano, perché sono la controparte degli spettatori e dei lettori (sì, vabbè) di un tronista. Sono la versione priva di ironia di un elettorato.

(E’ curioso poi che chi critica Fazio apprezza sempre David Letterman. E’ curioso, perché le critiche a Fazio sono di banalità, di buonismo, di eccessiva confidenza: ma lo avete mai visto Letterman?).

L’infinita bravura di Fazio è nel massmedializzare una certa cultura di sinistra, quella da Amaca di Serra, con tutti i cliché pruriginosi che può comportare. In assenza di uno star system degno Fazio si affida a politici e scrittori, usa quello che ha e costruisce uno spettacolo per middlebrow che funziona. Fazio parla a un pubblico che invecchia e che non esiste mai. Cristoforo Colombo avrebbe tenuto un diario sugli spettatori di fiction dicendo che erano i veri italiani, tutti gli altri si fottano.

L’ infinita bravura della De Filippi è plasmare uno star system, un sistema divistico che nel peggior dei casi inaugurerà supermercati e matrimoni e nel migliore finirà a giudicare il talento altrui dopo aver recitato in fiction regionali (o Luca Argentero, ma non dico altro perché ho riverenza della bellezza). Il talento di De Filippi è nel creare programmi di successo per un pubblico giovane, capire i trend e anticiparli, mettere in piedi macchine perfette di divertimento per masse. (Da Fazio si ride composti; da Maria si registrano i decibel di pubblico in giubilo).

Entrambi sono criticatissimi e speculari. Da una parte Fazio usa l’intrattenimento per far ingoiare contenuti aberranti che qui noi detestiamo, la medicina mista al miele; dall’altra De Filippi usa i contenuti per far passare quel che più le sta a cuore, l’intrattenimento. Il pubblico di Fazio è l’italiano medio QUANDO vuole darsi un tono, il pubblico di Maria è l’italiano medio QUANDO si vuol svaccare. Agli estremi troviamo intellettuali e subumani.

Quel che deve fare Maria De Filippi ora è invitare Saviano ad Amici.
Quel che deve fare Fazio è un monologo di Bosè in prima serata, annunciato da Filippa.

3 thoughts on “Quand’è che abbiamo iniziato a detestare Saviano?

  1. Finalmente: molti lo pensano ma nessuno lo aveva ancora detto.
    O forse, peggiore ipotesi, il Paese è pieno di integralisti di sinistra che si sentono costretti a farsi piacere i monologhi di Saviano.

  2. «Il Paese reale è meridionale e ha prevalentemente tra i 15 e i 30 anni, ma è per tutta la famiglia. […] E’ quello con Emma Marrone che si porta i parenti dal Salento, come una studentessa il giorno della laurea.»

    Bell’articolo, incisivo e pungente. E m’ha strappato un sorriso🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...